Il salto di qualità - T.S.C. Black Rose '98 Roma

Vai ai contenuti

Menu principale:

STORIA DEL CLUB


STORIA DEL CLUB (4/9) - IL SALTO DI QUALITA'...


Nella stagione 2001/2002 il "Black Rose" si arricchisce della presenza di Alessandro Mastropasqua (primo giocatore fuori regione, proveniente da Serenissima Mestre) e Giorgio Proietti (da A.C.S. Perugia). La stagione si caratterizza per risultati onorevoli nonostante prestazioni altalenanti dovute ad un approccio meno determinato del solito alle competizioni. L’anno è tuttavia importante perché segna l’esordio del "Black Rose" in un torneo all’estero. L’occasione è l’Europa Cup FISTF disputata l’8 dicembre 2001 a Kamen (GER) con Gara, Guidi e i fratelli Pochesci che guidano il club alla conquista del nono posto finale frutto di 5 vittorie e 2 sconfitte. Il 5° posto finale in "Serie A" e le vittorie al Città di Rieti (Febbraio 2002) , al Grand Prix Lazio disputato a Latina (Marzo 2002) e all’open di Sessa Aurunca (Aprile 2002) permettono al "Black Rose" di confermarsi ai vertici della Classifica Grand Prix Nazionale (antesignano dell’attuale Ranking Italia).

Nella stagione 2002/2003 il "Black Rose" trova quella continuità di rendimento necessaria per effettuare il tanto atteso salto di qualità. L’arrivo in estate di elementi di spessore e personalità come Massimiliano Croatti (‘’SuperMax’’) e Gianluca Carpanese ("Invisible Man’’) riescono a compensare la perdita di quel  grandissimo compagno di avventure che è stato Luigi Pochesci "Dracula" attratto nell’orbita del C.C.T. Roma.

Con questo nuovo assetto il ‘’Black Rose’’ comincia la nuova stagione a testa bassa e coglie uno strepitoso successo nel Grand Prix di Bologna seguito dal 2° posto al Grand Prix dell’Umbria di Castiglione del Lago, il 3° posto all’International Open di Cormòns, il 4° posto nella Coppa Italia (miglior piazzamento di sempre nella competizione federale, inaspettato stante le defezioni di Mastropasqua e Pochesci) e 3° posto nella ‘’Serie A’’ 2002/2003 dopo aver chiuso il girone di andata addirittura al 2° posto. Qui comincia una incredibile serie di tornei conclusa con 5 vittorie consecutive: Open di Latina (Novembre 2002), Open di Sessa Aurunca (Dicembre 2002), Grand Prix del Lazio disputato a Latina (Marzo 2003) , Open di Foggia (Aprile 2003) e Grand Prix della Campania (Maggio 2003). La serie viene interrotta con il tutt’altro che disonorevole 6° posto al Major di Bologna (Maggio 2003) seguito dal 2° posto al Grand Prix of Italy disputato a Dolo (Luglio 2003).  Una stagione decisamente esaltante nella quale si è messa in evidenza ancora una volta la caparbietà del nostro gruppo in cui ha trovato giusta esaltazione lo spirito combattivo di SuperMax Croatti.


Pagina precedente: A CAVALLO DEL MILLENNIO...



Pagina successiva: ANNI DI CAMBIAMENTO...

a                             
                                  

 
 
 
 
 
 
 
 
Bookmark and Share
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu